Claire Fontaine

Pasquarosa

Marinella Senatore

  • Facebook
  • YouTube
  • Instagram

Pubblicato in occasione della mostra Claire Fontaine - Pasquarosa - Marinella Senatore (20 ottobre 2020 - in corso) curata da Pier Paolo Pancotto, il volume narra l'esposizione in cui si pongono in dialogo tre interpreti differenti per storia, generazione e cultura, associate da una comune sensibilità verso i temi della libertà individuale, in particolare quella femminile. Orientamento esplicitato da ciascuna di esse con modalità proprie legate, naturalmente, alla loro specifica esperienza personale e professionale ma in grado di presentare inattesi, a volte sorprendenti, punti di convergenza.

 

Infatti, se Claire Fontaine e Marinella Senatore riflettono su tematiche universali come la politica, la religione, la violenza, le differenze di genere, il ruolo della donna nel contesto sociale attraverso un variegato insieme di modalità espressive (scultura, disegno, foto, scrittura, installazioni, video, performance…) anche “Il fenomeno” Pasquarosa, così come Cipriano Efisio Oppo definì la pittrice nel 1918, si è confrontata con le medesime tematiche. Con la differenza che, rispetto alle prime, più che attraverso l’esercizio della propria professione, Pasquarosa lo ha fatto, consapevolmente o inconsapevolmente, soprattutto per mezzo della propria esistenza. Vale a dire affrontando in prima persona una serie di circostanze ambientali e sociali inconsuete per la sua epoca, tali da renderla un’ideale di pioniera di quei movimenti di rivendicazione dei diritti economici, civili e politici delle donne che spesso sono oggetto dell’esercizio creativo di Claire Fontaine e Marinella Senatore.

  • Facebook
  • YouTube
  • Instagram

The catalogue, published on the occasion of Claire Fontaine - Pasquarosa - Marinella Senatore (20 october 2020 - in progress) exhibition, curated by Pier Paolo Pancotto, tells about three different interpreters of history, generation and culture, associated through a common sensibility towards the themes of individual freedom, in particular feminism. This orientation is expressed by each of them, in their own ways, influenced by their personal and professional experience, but capable of presenting unexpected, sometimes surprising, points of convergence. 

In fact, if Claire Fontaine and Marinella Senatore reflect upon universe themes such as politics, religion, violence, gender difference, and the role of women in the social context, each through a variegated set of expressive modalities (sculpture, drawing, photos, writing, installations, videos, performances…), the “Phenomenon” Pasquarosa (as Cipriano Efisio Oppo defined the painter in 1918), was confronted with the same themes as well, with the difference that, compared to the others, Pasquarosa did so, knowingly or unconsciously, more through her own existence than through the exercise of her profession. In otherwords, through confronting a series of unusual environmental and social circumstances in her time, Pasquarosa became a pioneer of those movements fighting for women’s economic, civil and political rights that serve as the object of creative expression by Claire Fontaine and Marinella Senatore. 

© 2020 by La Fondazione