Logo DRMCAM_MIC_blu_300.png
Schermata 2021-05-11 alle 09.59.38.png
Schermata 2021-05-11 alle 10.00.13.png

Claire Fontaine

Pasquarosa

Marinella Senatore

8 maggio 2021 - 27 Giugno 2021

Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes

8B3A1465_© Danilo Donzelli Photography.j

La mostra

L’esposizione pone in dialogo tre interpreti differenti per storia, generazione e cultura, associate da una comune sensibilità verso i temi della libertà individuale, in particolare quella femminile. Orientamento esplicitato da ciascuna di esse con modalità proprie legate, naturalmente, alla loro specifica esperienza personale e professionale ma in grado di presentare inattesi, a volte sorprendenti, punti di convergenza. 

 

Infatti, se Claire Fontaine e Marinella Senatore riflettono su tematiche universali come la politica, la religione, la violenza, le differenze di genere, il ruolo della donna nel contesto sociale, attraverso un variegato insieme di modalità espressive (scultura, disegno, foto, scrittura, installazioni, video, performance…) anche “Il fenomeno Pasquarosa”, così come Cipriano Efisio Oppo definì la pittrice nel 1918, si è confrontata con le medesime tematiche. Con la differenza che, rispetto alle prime, più che attraverso l’esercizio della propria professione, Pasquarosa lo ha fatto, consapevolmente o inconsapevolmente, soprattutto per mezzo della propria esistenza. Vale a dire affrontando in prima persona una serie di circostanze ambientali e sociali inconsuete per la sua epoca, tali da renderla un’ideale di pioniera di quei movimenti di rivendicazione dei diritti economici, civili e politici delle donne che spesso sono oggetto dell’esercizio creativo di Claire Fontaine e Marinella Senatore. 

 

L’esposizione si delinea, pertanto, come una sorta di colloquio virtuale su temi condivisi (per quanto analizzati da differenti punti di vista) tra Claire Fontaine, Pasquarosa e Marinella Senatore che si concretizza sotto forma di un’unica, grande installazione volta a sottolineare il carattere dialettico e sperimentale del progetto. 

Bio

Claire Fontaine (collettivo artistico fondato nel 2004, attivo a Palermo). Mostre personali(selezione): Palazzo Ducale, Genova (2019); Confort Moderne, Poitiers (2019); Neuer Berliner Kunstverein, Berlin (2017); Villa Medici, Roma (2016); Museo Pietro Canonica, Roma (2016); The Jewish Museum, New York (2013); CCA Wattis Institute for Contemporary Art, San Francisco (2013); Museion, Bolzano (2012); MUSAC Contemporary Art Museum, Castiglia e León (2011); Museum of Contemporary Art, Miami Nord (2010); Museo Tamayo, Mexico City (2010); Art Museum, Aspen (2009); Witte de With Center for Contemporary Art, Rotterdam (2008); Palais de Tokyo, Paris (2007); Kunsthalle, Zurich (2007). Mostre collettive (selezione): Doing deculturalization, Museion, Bolzano (2019); Shanghai Biennale (2018; 2012); ISelf collection. The Upset Bucket, Whitechapel, London (2018); The Arcades: Contemporary Art and Walter Benjamin, The Jewish Museum, New York (2017); Quadriennale, Palazzo delle Esposizioni, Roma (2016); Manifesta (2012); Biennale, Moscow (2011); Biennale, Istanbul (2011; 2007); Biennale, Athens (2011); Contemplating the Void, Solomon R. Guggenheim Museum, New York (2010); Take the money and run, De Appel, Amsterdam (2009); Fax, The Drawing Center, New York (2009); The irresistible Force, Tate Modern, London (2007); Unmonumental, New Museum, New York (2007); Biennale, Lyon (2007); Mars Pavilion, Venezia (2005).

 

Pasquarosa (Anticoli Corrado [Rm], 1896 – Camaiore [Lu], 1973) Mostre personali (selezione): Arlington Gallery, Londra (1929); Vetrina di Chiurazzi, Roma (1951); Galleria della Cassapanca, Roma (1955); Galleria Russo, Roma (1958); Galleria del Vantaggio, Roma (1962); Galleria Mares, Pavia (1995); Galleria Campo dei Fiori, Roma (1997); Musei di Villa Torlonia - Casino dei Principi, Roma (2009). Mostre collettive (selezione): Esposizione Internazionale d’Arte della «Secessione», Roma (1915; 1916); Collettiva romana, Casa d’arte Bragaglia, Roma (1929); Mostra del Sindacato Laziale Fascista degli Artisti, Roma (1929; 1930; 1932; 1936; 1937; 1942); Biennale di Venezia (1930; 1932; 1934; 1936; 1948; 1954); Quadriennale di Roma (1931; 1935; 1939; 1948; 1955; 1959; 1966).

 

Marinella Senatore (Cava de’ Tirreni, 1977; vive e lavora a Parigi e Roma). Mostre personali (selezione): Geneve (2020); Magazzino Italian Art, New York (2019); The Centre for the Less Good Idea, Johannesburg, (2019); Hayward Gallery, London (2018); Peggy Guggenheim Collection, Venezia (2018); Villa Medici, Roma (2018); Kunsthaus Zurich (2017); Centre Pompidou, Paris (2017); INSITU, Berlin (2014); Kunst Halle St. Gallen (2014); Museo d’arte contemporanea, Castello di Rivoli (2013); Matadero Centro de Creación Contemporánea, Madrid (2012); Künstlerhaus Bethanien, Berlin (2012); Macro, Roma (2011). Mostre collettive (selezione): Bienal de São Paulo (2020); Bodies–Cities Collections and Excursions, Museum der Moderne Salzburg (2019); Emerge, Musée d’art contemporain, Montréal (2019); #VillaMedicimylove, Art Club, Villa Medici, Roma (2019); La strada. Dove il mondo si crea, MAXXI, Roma (2018); Manifesta, Palermo (2018); Agora, Highline, New York (2018); Biennale of Urbanism/Architecture, Shenzhen (2017); Action!, Kunsthaus, Zurich (2017); Quadriennale, Palazzo delle Esposizioni, Roma (2016); Biennale, Lyon (2015); Do Disturb, Palais de Tokyo, Paris (2015); New York Procession, High Line, New York (2015); Open Museum, Open City, MAXXI, Roma (2014); The Yellow Side of Sociality, Bozar, Bruxelles (2014); Biennal, Liverpool (2014); Portrait of the Artist as a Young (Wo) Man, Museo d’arte contemporanea, Castello di Rivoli (2014); Premio MAXXI, MAXXI, Roma (2014); Biennale, Athens (2013); Biennale, Moscow (2012); Biennale, Havana (2012); Visible Award, Serpentine Gallery, London (2012); Biennale di Venezia (2011); SI Sindrome Italiana, Le Magasin, Grenoble (2010); Emerging Talents, Cccs, Palazzo Strozzi, Firenze (2009); Italics, Palazzo Grassi, Venezia (2008); Guestroom, Museum Boijmans Van Beuningen, Rotterdam (2007); Vesuvius, 798 Space, Beijing (2006); L’estetica della resistenza, Fondazione Antonio Ratti, Como (2005).

Image by Philippe Ramakers

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

Un ringraziamento speciale a

Schermata 2021-05-11 alle 09.59.49.png
logo-bellaria-irpinia.jpg
Schermata 2021-05-11 alle 10.00.02.png
logo_cineteca_nazionale-centro_speriment
Schermata 2021-05-11 alle 10.00.31.png